loader image

Trust e trasmissione patrimoniale

Trust e trasmissione del patrimonio immobiliare

Capita purtroppo di notare sempre più persone (non solo imprenditori) in difficoltà che, quasi senza accorgersene, si trovano purtroppo a non riuscire più ad onorare gli impegni presi, essendo costretti quindi a contrarre nuovi debiti e a trovarsi con i propri beni immobili messi all’asta.

Tuttavia esistono una serie di strumenti efficaci che consentono di mettere al riparo il patrimonio immobiliare, impedendo quindi future aggressione da parte di terzi e creditori.

Il primo passo è capire quali beni del proprio patrimonio immobiliare si vogliono tutelare, destinandoli ad esempio alla famiglia o agli eredi, e garantendo così un sicuro passaggio generazionale, e quali invece lasciare all’attività ed al rischio d’impresa o ad esempio a garanzia di impegni che si vogliono assumere con istituti di credito o finanziarie.

Per ottenere questa segregazione del proprio patrimonio immobiliare, il nostro ordinamento prevede diversi strumenti: alcuni di questi sono certamente di più recente diffusione (come ad esempio il trust, che può assumere diverse forme, oppure la holding di famiglia oppure l’intestazione fiduciaria), altri noti da sempre (come il fondo patrimoniale, la donazione o il patto di famiglia).

Dunque l’obiettivo comune è quello di tutelare il patrimonio immobiliare attraverso una formale separazione di tutti o solo alcuni dei propri immobili dal resto dei propri averi, impedendo quindi che vicende personali possano portare ad una dilapidazione del proprio patrimonio immobiliare o di quello di famiglia.

Tuttavia è fondamentale sottolineare che questi strumenti non devono essere intesi come mezzi per frodare i creditori, o per sfuggire alle proprie responsabilità.

Infatti, la segregazione patrimoniale potrà davvero essere efficace, e quindi ottenere una vera piena tutela del proprio patrimonio immobiliare, se e solo se gli strumenti sono azionati in via preventiva, ossia in assenza di debiti, prima di programmare operazioni o attività con un grado medio-alto grado di rischio, e più in generale, prima che si palesino i primi segnali di una crisi imminente.

La miglior tutela possibile del proprio patrimonio immobiliare si potrà raggiungere solamente attraverso un’attenta analisi circa la tipologia di immobili, le finalità precise dell’imprenditore, del destinatario dei beni immobiliari, dell’attività e del rischio di impresa, ma soprattutto del momento preciso in cui si vuole azionare la tutela.

Anche grazie la collaborazione con esperti e professionisti esterni (tra i quali: Notai, Commercialisti, Consulenti finanziari, Periti, e non solo), il nostro Studio Legale assiste i propri clienti nella creazione di sistemi e progetti volti alla più ampia tutela del proprio patrimonio immobiliare e alla trasmissione sicura ai propri eredi. Fornendo tutta la consulenza legale necessaria nella scelta dello strumento più adeguato al caso specifico e redigendo tutta la documentazione richiesta dal nostro ordinamento legislativo per mettere al riparo i propri averi da possibili (ma purtroppo sempre più frequenti) problematiche del mercato garantendo così anche la sicurezza di un passaggio generazionale senza pensieri.

Hai bisogno di una consulenza?